Sbiancamento denti costo 2017: prezzo laser dentista e fai da te

Sbiancamento denti costo 2017 laser e fai da te, prezzo a seduta per sbiancare denti ingialliti, rimedi naturali con bicarbonato e sale, controindicazioni

Commenti 1Stampa

Lo Sbiancamento dei Denti è una tecnica di decolorazione della superficie dei denti messa a punto dalle nuove tecnologie nell’ambito dell’odontoiatria cosmetica, che consente di riportare il colore dei denti al bianco e alla luminosità alterati per l’effetto del tempo e degli agenti aggressivi tipo caffeina, tabacco e cibi responsabili di far apparire lo smalto invecchiato, ingiallito e grigiastro.

 

Sbiancamento denti cos'è e a cosa serve?

Lo sbiancamento denti è un trattamento estetico che consente di bloccare il processo, diciamo di invecchiamento del colore dei denti, trova la sua causa intrinseca dal fatto che in natura la colorazione ai denti deriva dalla dentina e non dallo smalto che in realtà essendo traslucido lascia trasparire la colorazione naturale della dentina, con il tempo poi è lo stesso smalto che tende a colorarsi di giallo e di grigio a causa del progressivo assorbimento dei pigmenti lasciati e diffusi dagli agenti esterni aggressivi che si trovano a transitare quotidianamente nella bocca.

Lo Sbiancamento dentale interviene in questo processo di invecchiamento e colorazione dello smalto andando a decolorare tutti i pigmenti che via via vengono assorbiti fino ad ottenere addirittura tonalità di bianco anche innaturale molto simile alla porcellana, ossia, privo di qualsiasi sfumature di colore, molto richiesto dai clienti italiani negli ultimi anni sebbene molto in voga in tutti gli altri paesi in particolar modo negli Stai Uniti dove è nata questa tendenza con la richiesta da parte dello star system di Hollywood, che ha fatto coniare il termine "sorriso hollywoodiano" o "sorriso hollywood" ad indicare una fattispecie di sbiancamento degli attori americani.

Per quanto riguarda il costo del trattamento di sbiancamento dei denti professionale varia da specialista a specialista, e da città a città per esempio a Roma è di 250€ per arcata e prevede:

  • 2 sedute di Sbiancamento Dentale da 50 minuti a distanza di 7-14 giorni
  • Gel al Perossido di Carbammide (35%) sostituito e riattivato con Luce a Led ogni 15 minuti
  • Lucidatura e Brillantatura dello Smalto con Pasta Diamantata;

Importante: prima di sottoporsi a qualsiasi tipo di trattamento sbiancamento dentale, i denti devono essere privi di placca e tartaro e le gengive sane, ossia, senza la presenza di stati infiammatori o episodi di sanguinamento, in quanto l’agente impiegato per il trattamento potrebbe far male ed essere dannoso.

 

Sbiancamento denti quali macchie elimina?

Quali macchie elimina lo sbiancamento dei denti? Lo sbiancamento dei denti è un processo di decolorazione dello smalto dei denti che con il tempo tende a colorarsi a causa di cibi e bevande e fumo, facendo così apparire i denti ingialliti e grigiastri. E avere un sorriso con denti bianchissimi e luminosi, oggi come non mai, aiuta a rinsaldare la propria autostima e il rapporto con gli altri anche perché il costo sia dello sbancamento dei denti fai da te che professionali sono sempre più contenuti e accessibili a tutti.

Lo Sbiancamento, previo consulto medico può essere funzionale e adatto per il trattamento di molte macchie da quelle che aggrediscono il dente sulla superficie esterne causate da: Depositi di tartaro e placca che si possono rimuovere dal dentista con strumenti meccanici. Fumo e tabacco: poichè contengono catrame e nicotina che sono la principale causa di ingiallimento dei denti e della formazione di macchie brunastre sulla superficie esterna del dente, tannino sostanza presente nel tè, caffè, vino rosso

antibiotici, fluoro assunto con pasticche e acque fluorate: macchie bianche e macchie invece che attaccano dall’interno e causate da anomalie nella mineralizzazione dello smalto per effetto di: assunzione farmaci, eccesso di fluoro, cause genetiche, Età e invecchiamento.

In altre parole, per sbancamento dentale s’intende qualsiasi trattamento che consente di far diventare più bianchi i denti a seguito di un intervento meccanico o con sostanze decoloranti.

 

Tipi di sbiancamento dei Denti: meccanico o con sostanze sbiancanti

Per sbiancamento dentale s’intende qualsiasi trattamento che consente di avere i danti più bianchi rispetto alla colorazione di partenza, esistono 2 metodi:

1) Sbiancamento dei Denti Meccanico: 

E’ una tecnica che consiste nell’applicare prodotti come la Pomice e Bicarbonato che agiscono come abrasivo sulla superficie del dente rimuovendone le macchie. tali sostanze, possono essere contenute in dentifrici sbiancanti oppure utilizzate dal dentista nelle seduti di ablazione del tartaro mediante lo strumento ad ultrasuoni che vibrando elimina oltre il tartaro anche alcune macchie.

I limiti di questo metodo, sono però tanti in quanto ha lo svantaggio di poter eliminare solo alcune tipologie di macchie consentendo la rimozione solo di piccole sfumature, inoltre, se usato in modo non appropriato può provocare danni allo smalto provocandone l’abrasione e l’usura. 

Generalmente, il metodo meccanico è una tecnica che precede sempre la seduta di sbiancamento con agenti chimici in quanto il dentista deve lavorare in un ambiente pulito e privo di tartaro e placca per avere esiti di successo.

2) Sbiancamento dei denti con sostanze Decoloranti Vantaggi, svantaggi, controindicazioni ed effetti collaterali:

Per sbiancare i denti ingialliti a causa dell’invecchiamento, dal fumo, da cibi e bevande che colpiscono dall’interno il dente, è necessario utilizzare sostanze che siano in grado di penetrare all’interno della struttura del dente e decolorare le sostanze pigmentanti.
Tali sostanze, sono i perossidi di idrogeno e di carbammide che riescono ad ossidare le sostanze colorate che si depositano sullo smalto riuscendo a modificare il colore naturale dei denti rendendolo bianco e brillante. Gli svantaggi di questo metodo sono:Sensibilità dentale soggettiva: della persona o del prodotto, i cui effetti sono sempre reversibile entro 2-3 giorni dalla fine del trattamento e possono essere tenuti sotto controllo dal dentista anche durante il trattamento stesso.

Elevata sensibilità dentale: poichè l’agente sbiancante a contatto con l’otturazioni può creare disagi e dolori.

Irritazione della mucosa gengivale: se il prodotto sbiancante viene a contatto direttamente con la mucosa, può provocare bruciori e irritazioni

Pertanto, per evitare effetti collaterali, eventuali controindicazioni, occorre seguire precise istruzioni d’uso dell’agente decolorante, una volta stabilito il trattamento e il prodotto da impiegare, l’applicazione avviene per mezzo di mascherine di precisione costruite su uno stampo individuale dei propri denti.

 

Sbiancamento denti costi 2017: dal dentista e a casa fai da te:

Tipo prodottoTonalità sbiancate  Durata trattamento Durata risultati CostoMetodo 
Sbiancamento denti da fare a casa10 - 151 volta al giorno per 2 ore per 12 giorni2 - 3 anni 450 - 500 euroProfessionale 
Sboancamento denti dal dentista10 - 1560 minuti2 - 3 anni 500 - 600 euroProfessionale
Sbiancamento denti dentista con attivazione10 - 1520 minuti2 - 3 anni  600 - 700 euroProfessionale

 

Sbiancamento denti rimedi naturali, fai da te:

Sbiancamento denti rimedi naturali e fai da te: I metodi fai da te da fare a casa da soli, oltre all’utilizzo di dentifrici e di gomme sbiancanti, riguardano prodotti specifici acquistabili in farmacia o in generale anche nelle parafarmacie, e che contengono lo stesso principio attivo delle sostanze decoloranti ad uso professionali, ovvero, di perossido di idrogeno e carbammide a cambiare è semplicemente la concentrazione del prodotto e il metodo di applicazione, variabili che influiscono notevolmente sulle procedure e sui risultati finali.

  • Bicarbonato + Sale da tavola: Dosi: ½ cucchiaino di bicarbonato di sodio, facilmente reperibile nei supermercati + ½ cucchiaino di sale da tavola, è un composto molto efficace per sbiancare i denti in superficie, aggiungendo poi un pizzico di olio essenziale alla menta peperitasi riesce a rendere piacevole il composto. Uso: il composto va utilizzato come un normale dentifricio al massimo una volta a settimana, per non danneggiare lo smalto.
  • Mele, pere, fragole, banane, sedano e carote, scorza di arancio: sono molto utili per sbiancare i denti, in quanto a contatto con la saliva producono una reazione in grado di rimuovere molti batteri dalla bocca. La fragola e la scorza di arancio per esempio, se strofinati quotidianamente sui denti consentono di ridurre e rimuovere tutte le macchie.
  • Acqua: Molto utile, per avere denti bianchi, fare degli sciacqui con acqua per 30 secondi dopo i pasti, in quanto è un valido aiuto per la prevenzione di macchie.
  • Aggiungere Panna al Caffè e Latte nel Thè: aiuta a prevenire la formazione delle macchie sui denti, in quanto cambiano la loro aggressività chimica sullo smalto dei denti
  • Salvia fresca: utilizzare una foglia di salvia fresca da strofinare sui denti, può essere un validissimo ed efficace metodo di sbiancamento naturale per i denti
  • Mangiare Broccoli e Cavoli: aiutano a proteggere lo smalto dei denti, in quanto contengono un composto minerale che produce una pellicola trasparente che ricopre i denti proteggendoli dall’invecchiamento e dalle macchie.
  • Evitare bevande gassate, fumo e tabacco: le bibite analcoliche gassate come Coca Cola, Aranciata, gassosa, Chinotto favoriscono la formazione di macchie sui denti, a causa della pigmentazione dello smalto provocate dagli acidi contenuti in queste bevande come quello fosforico, citrico, malico e tartarico, un accorgimento potrebbe essere quello di utilizzare una cannuccia per la loro suzione. Anche Tabacco, Nicotina e catrame vanno evitati in quanto sono la principale causa di macchie brunastre sullo smalto. 
  • Succo di Limone + Bicarbonato: insieme sono ottimi rimedi naturali contro le antiestetiche macchie gialle provocate soprattutto dal fumo, ma anche dal caffè. E’ importante ricordare, di utilizzare il limone con accortezza perché essendo molto corrosivo può essere dannoso per lo smalto, se ne consiglia pertanto, l’utilizzo una volta al mese alternandolo con lo sfregamento di una scorza di limone direttamente sui denti.
  • Radice dell’albero araak: estratta da un albero che cresce in Medio Oriente, è molto utile se levigata direttamente sui denti, in modo da renderli lucenti.

 

Sbiancamento Denti fai da te: vantaggi

Sbiancamento denti fai da te vantaggi e svantaggi: I limiti e gli svantaggi nell’utilizzare sostanze naturali e fai da te o prodotti specifici da comprare in farmacia e quindi di largo consumo, possono essere così riassunte:

Mancata supervisione di un medico dentista

Bassa quantità di perossido di idrogeno (massimo 6 %) contenuta nei prodotti da banco

Sistemi di applicazione preformati di mascherine, strisce e applicatori che non corrispondono alla propria anatomia dei denti e alla reale lunghezza delle arcate

Poca efficacia nello sbiancamento: massimo 5 tonalità, con le strisce

Tempistiche molto lunghe sia di applicazione che in fatto di risultati

mantenimento nel tempo dei risultati: Durata massima per 6 mesi - 12 mesi

Vantaggi: Costi più bassi rispetto ai sistemi di sbiancamento professionale

 

Costo Sbiancamento dei Denti a casa:

Tipo prodotto Tonalità sbiancate Durata trattamentoCosto  Durata risultatiMetodo 
Dentifrici sbiancanti0.5 - 1 Ogni giorno 2 - 5 euro-Fai da te
Strisce sbiancanti4 - 52 volte al giorno per 30 minuti ciascuna per 15 giorni49 euro6 - 12 mesiFai da te
Mascherine sbianca denti4 - 5 2 volte al giorno per 30 minuti ciascuna per 15 giorni50  euro6 - 12 mesi Fai da 

 

Sbiancamento laser denti prezzi 2017 dentista:

Sbiancamento denti dal dentista costo e prezzi 2017: Lo sbiancamento dei denti con metodo professionale consente con una sola seduta di associare l’azione sbiancante dell’agente a base di perossido di idrogeno ad alta percentuale, e quindi con effetto immediato, ad una luce ad alta intensità, i denti vengono riportati al loro naturale colore, più bianchi e luminosi.

La luce emessa da specifiche lampade sbiancanti fa accelerare la decolorazione ed eliminare pertanto tutte le macchie intrinsiche dello smalto.

Lampade dentali sbiancanti: Le sorgenti luminose utilizzate per accelerare le proprietà sbiancanti di composti a base di perossido d’idrogeno possono essere di vario tipo: al plasma, laser o luce alogena, o le ultimissime a LED tali lampade differiscono tra di loro in base alla potenza della sorgente e al potere del raggio di azione di diffusione.

Lo sbiancamento dei denti alla poltrona, come viene anche definito lo sbiancamento professionale nello studio dentistico, è una procedura indicata per chi vuole ottenere il massimo risultato nel minor tempo possibile, ovviamente, il costo di questo tipo di trattamento è più alto rispetto a quello domiciliare, e varia in base alla durata del metodo: maggiore è la capacità dello sbiancante, minore è il tempo della seduta e più alto è il costo, circa 700 euro.

 

Sbiancamento denti professionale da fare a casa:

Sbiancamento denti professionale da fare a casa: Questo tipo di Sbiancamento dei denti avviene dal medico dentista con le prime due sedute e prosegue poi a casa, tale trattamento consiste in prima istanza, nella visita del paziente per verificare l’assenza di carie e di affezioni alle gengive, in quanto la loro presenza può inficiare il trattamento e può provocare spiacevoli effetti collaterali.

Dopodiché viene effettuata una seduta d’igiene dentale e la presa d’impronte delle arcate. Dall’impronta delle arcate, si ricava il calco di gesso sul quale modellare le mascherine in plastica che conterranno il GEL sbiancante: a base di perossido di carbammide, fino al 35%.

Durante seconda seduta, il medico dentista consegna al paziente insieme alle istruzioni d’uso, le mascherine individuali e il prodotto sbiancante a base di perossido di carbamide.

Una volta a casa il paziente, inizia il trattamento con il gel, inserendolo negli appositi spazi nella mascherina preformata e la applica sulle arcate dentarie, il gel sbiancante a contatto con l’ossigeno penetra tra i prismi dello smalto e ossida le sostanze colorate. Finito il trattamento, in base al tempo indicato sulle istruzioni, la mascherina viene tolta e si passa al risciacquo dei denti.
I nuovi gel sbiancanti per uso professionale, consentono uno sbiancamento in meno di una settimana, con poco più di mezz’ora al giorno d’applicazione, se invece si desidera un trattamento più veloce da non fare a casa, è possibile svolgere lo stesso metodo e con lo stesso prodotto direttamente a studio, ma accelerando il processo esponendolo alla luce di speciali lampade il perossido d’idrogeno.

Per quanto riguarda le possibili controindicazioni del trattamento professionale da fare a casa, è bene sapere che la mancata osservanza delle regole e delle precauzioni d’uso, come per esempio eccessive dosi di perossido sbiancante sulle gengive può provocarne l’irritazione.

COPYRIGHT DONNAFEMMINILE.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Lascia un commento
Contatti
Commenti 1

giada

30 gennaio 2013 23:17

Salve, esiste un metodo di sbiancamento fai da te per avere un denti bianchissimi? se si quali? Grazie