Dieta crudista vegana vegetariana e onnivora cos'è, fa bene o male?

Cos'è la dieta crudista vegana, vegetariana e onnivora? Fa bene mangiare cibi crudi come carne e pesce e vegetali o potrebbe fare male ed essere pericoloso?

Commenti 0Stampa

La dieta crudista più che un regime alimentare sta diventando sempre di più uno stile di vita    basato essenzialmente sul fatto che il cibo deve essere consumato crudo. 

Attualmente il crudismo chiamato anche Raw Food è molto di moda negli Stati Uniti perché è diventato in poco tempo una vera e propria filosofia di vita adottata per lo più dello star system hollywoodiano, sempre più orientati alla riscoperta dei prodotti naturali e biologici, per vivere bene e in salute.

Secondo i divulgatori e sostenitori di questa dieta crudista, mangiando il cibo crudo, quindi senza alcuna cottura sul fuoco, il corpo otterrebbe parecchi benefici in primis un'azione anti invecchiamento sulle cellule e sui tessuti dell'organismo dovuto al fatto che i principi nutritivi contenuti negli alimenti che di solito vengono distrutti con la cottura, vengono assorbiti dall'organismo intatti e dall'estrema sazietà che una persona ha mangiando cibi più duri e croccanti.

 

Dieta crudista vegana, vegetariana e onnivora che cos'è?

La dieta crudista si basa sul principio fondamentale che il cibo debba essere assunto crudo senza cottura. Secondo questa filosofia, infatti, il trattamento termico, modificherebbe la struttura degli alimenti facendogli perdere importanti caratteristiche nutritive, essenziali per l'essere umano. Tale principio, nasce dalla semplice constatazione che l'uomo prima di conoscere il fuoco, si nutriva di cibi crudi come bacche, frutta, pesce, uova e vegetali.

Del crudissimo poi ci sono diverse correnti:

  1. Crudismo vegetariano una scelta di vita basata sull'assunzione di cibi crudi non di origine animale, quindi niente carne o pesce mentre si a uova, latte e derivati.

  2. Crudismo vegano: che è un regime alimentare che si basa essenzialmente sull'assunzione esclusiva dei soli cibi vegetali mangiati crudi.

  3. Crudisti onnivori che invece sono persone che mangiano pesce e carne, frutta e verdura rigorosamente crudi.

Secondo la dieta crudista a prescindere dalla corrente praticata, i cibi non possono essere cotti ma al massimo riscaldati inoltre non possono essere assunte farine e tutto ciò che deriva dai cereali, in quanto alimento non conosciuto e quindi presente nella dieta dell'uomo preistorico.

 

Perché farebbe bene alla salute non cuocere il cibo?

Benefici e vantaggi della dieta crudista: Secondo i sostenitori della dieta crudista, cuocere il cibo significa introdurre tossine dannose nell'organismo. Durante la cottura degli alimenti, infatti, le alte temperature distruggono i principi nutritivi e gli enzimi contenuti naturalmente nel cibo. Tale processo catartico, costringerebbe il corpo a produrre dei nuovi enzimi per poter digerire gli alimenti cotti e tutto questo con un grande dispendio di energia. 

Un altro motivo per cui farebbe bene alla salute mangiare cibi crudi, è che le vitamine, sali minerali, batteri buoni indispensabili per l'equilibrio della flora batterica, rimangono intatti e il loro PH non viene alterato, cosa che succede invece quando cuociamo un alimento, quando il PH si abbassa diventa più acido e difficile da digerire rispetto ad alimenti crudi a PH alcalino.

 

Cosa si mangia e come nella dieta crudista?

Nella dieta crudista si mangiano cibi crudi quindi molta frutta e verdura anche sotto forma di centrifugati o frullati, frutta secca e latte di cocco. Per i crudisti onnivori il consumo di carne di cruda avviene con battuti, carpacci e tartare cotte dal limone e dagli agrumi in generale o dall'aceto, oppure essiccati, stessa cosa anche il pesce e frutti di mare. Il latte e suoi derivati, devono essere consumati crudi e rigorosamente non pastorizzati e possono essere stagionati. Per quanto riguarda le uova che per motivi di salute e salmonella, non dovrebbero essere mangiate crude è accettata una cottura che non superi però i 46° gradi, una possibile soluzione alternativa è il consumo di uova fermentate, tipiche della tradizione cinese. Le uova con il loro guscio, vengono racchiuse da uno strato di argilla o pasta di riso e lasciate riposare per alcune settimane, dopo le quali il tuorlo diventa color verde scuro e l’albume diventa marrone. 

Nella dieta curiata inoltre possono essere consumati diversi tipi di semi germinati molto ricchi di enzimi come il grano, i semi di zucca e canapa, le famose bacche di Goji e il polline. Per il condimento invece possono essere usati burro di soia, olio di oliva spremuto a freddo, aceto, sciroppo d’acero e salsa di soia purché non pastorizzata.

 

Mangiare cibi crudi fa male e può essere pericoloso?

Il fatto stesso di non cuocere i cibi, è il fattore negativo della dieta crudista, infatti, la cottura dei cibi evita che tossine molto pericolose contenute nei cibi, penetrino nell'organismo. Se da una parte quindi la cottura distrugge enzimi, vitamine e principi nutritvii fondamentali, dall'altra ci difenda dall'attacco di batteri cattivi.

Ad esempio i semi di grano freschi, potrebbero essere pericolosi per la salute perché contengono fagoripirina una sostanza tossica che rende i soggetti molto fotosensibili, consumare carne o pesce crudi invece ci rende particolarmente a rischio di gastroenteriti anche violente e sanguinamento, malattie causate da batteri come la toxoplasmosi o da vermi passiti un verme parassita, nel latte crudo potrebbero esserci contaminazioni di batteri che possono causare la tubercolosi o perfino aborti spontanei, stessa cosa anche per le verdure che potrebbero nascondere agenti patogeni come il famoso Escherichia coli.

Per tutti questi motivi, la dieta crudista è assolutamente da sconsigliare a donne in gravidanza, bambini e adolescenti, anziani e a tutte le persone che soffrono di malattie più o meno gravi.

COPYRIGHT DONNAFEMMINILE.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Lascia un commento
Contatti