Dieta del supermetabolismo schema menu settimanale e come funziona?

Dieta del supermetabolismo cos'è e come funziona lo schema menu settimanale durante le 3 fasi cosa mangiare quali cibi evitare per dimagrire e perdere peso

Commenti 0Stampa

La dieta del supermetabolismo, è uno schema alimentare dimagrante che sta diventando, giorno dopo giorno, sempre più conosciuto e famoso.

Ma cos’è la dieta del supermetabolismo e come funziona?

Cosa si mangia e quanti chili si perdono?

Vediamo di rispondere a tutte queste domande….

 

Cos’è la dieta del supermetabolismo?

La dieta del supermetabolismo, è uno schema alimentate ideato da Hailey Pomroy, con l’obiettivo di far perdere peso senza fare diete troppo rigide e senza troppe rinunce.

La dieta del supermetabolismo, promette quindi di far dimagrire attraverso la riattivazione del metabolismo lento o pigro, in modo tale da consentire a chi segue la dieta, di bruciare nel modo più giusto le calorie ingerite ogni giorno attraverso gli alimenti, i condimenti e le bevande. 

Oltre a seguire la dieta del supermetabolismo, stando sempre attente ovviamente, al tipo e alla qualità dei cibi ingeriti, occorre praticare una certa attività sportiva mirata.

 

Come funziona la dieta del supermetabolismo?

La dieta del supermetabolismo funziona, in modo diverso da tutte le altre diete, in  quanto ci si concentra di più sulla qualità del cibo che alla calorie e alla quantità. 

Questo schema dimagrante che dura al massimo 4 settimane, ha come obiettivo quello di rieducare il metabolismo, mangiando un mix di cibi bruciagrassi, attività sportiva e un’alimentazione controllata.

Lo schema della dieta del supermetabolismo, è costituita da 3 diverse fasi, che devono essere seguite scrupolosamente se s’intende perdere peso velocemente e tornare al proprio peso ideale.

Vediamo quindi le fasi della dieta e le regole da mettere in pratica.

 

Dieta del supermetabolismo schema prima fase:

Come abbiamo detto nel paragrafo precedente, la dieta del supermetabolismo, può essere seguita per un massimo di 4 settimane e lo schema si compone in 3 fasi specifiche:

Prima fase della dieta del supermetabolismo: dura 2 giorni, completamente dedicati ai carboidrati complessi e agli zuccheri della frutta.

Questo perché questi due alimenti, sono molto rilassanti e riducono lo stress, per cui sono ottimi per chi deve mettersi a dieta o l’ha appena iniziata. 

Per cui, cosa mangiare il Lunedì e il martedì? Secondo lo schema della dieta del supermetabolismo, nella prima fase che dura 2 giorni si possono mangiare:

Verdure: carciofi, melanzane, spinaci, asparagi, fagioli, cavolfiore;

Frutta: mele, pere, ananas, fragole, anguria, mango, fichi, pesche, arance, kiwi;

Cereali integrali: riso, orzo, farro, quinoa, avena, miglio.

Per colazione, scegliere ad esempio una porzione di cereali + frutta;

Per i due spuntini: solo frutta;

A pranzo e a cena: 1 porzione cereali + 1 proteina a scelta tra carne di manzo magra, pollo e tacchino o legumi + verdure a volontà. Non condire i cibi con grassi aggiunti, per cui no a olio o burro.

 

Dieta del supermetabolismo seconda fase proteica:

Seconda fase della dieta del supermetabolismo: dura sempre 2 giorni, completamente dedicati alle proteine. La seconda fase è quindi proteica, per cui il mercoledì ed il giovedì vanno assunti cibi proteici come la carne, il pesce e gli insaccati magri, verdure in foglia verde, i broccoli, l’aglio, il cavolo e il limone. Assolutamente vietato aggiungere grassi sia prima che durante e dopo la cottura. Prediligere poi, sempre la cottura alla griglia, al vapore o lessa.

A colazione: mangiare una omelette di soli albumi e verdure

Per i 2 spuntini; mangiare affettati o pesce;

A pranzo e cena: solo proteine e verdure a volontà. 

 

Terza fase dello schema della dieta del supermetabolismo:

Terza fase della dieta del supermetabolismo: dura 3 giorni e prevede l’assunzione di tutti gli alimenti concessi nelle due fasi precedenti senza dover pesare nulla, facendo sempre 5 pasti al giorno, mangiare a colazione entro 30 minuti dal risveglio,

 mangiando ogni 3-4 ore ed evitando di mangiare sempre, i latticini, gli zuccheri raffinati e i dolcificanti sintetici.

Lo schema della terza fase per i giorni di venerdì, sabato e domenica, prevede la possibilità di mangiare grassi sani, proteine, verdure e frutta poco glicemica come lo sono ad esempio le fragole, le more, i mirtilli, lamponi o le arance, mentre i cereali sempre integrali, devono essere assunti in quantità limitate. 

Inoltre, sono ammessi i seguenti condimenti e cibi: frutta secca e semi, olive, olio d’oliva, carciofi, melanzane, spinaci, asparagi, fagiolini e cavolfiore, crostacei, manzo, pollo, tacchino, coniglio, pesce e legumi. 

Per cui a colazione, agli spuntini e a pranzo e a cena, è possibile variarli a proprio piacere, seguendo le indicazione e le regole della dieta.

COPYRIGHT DONNAFEMMINILE.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Articoli Simili

Lascia un commento
Contatti