French manicure 2017: cos'è e come si fa a casa, costo e cosa serve?

French manicure cos'è? Come si realizza a casa da sole e cosa serve? Limetta, bastoncino cuticole, smalto base e top coat, bianco e color pastello

Commenti 0Stampa

French manicure 2017: Cerchi una manicure che sia allo stesso tempo elegante, versatile e molto delicata?

Allora quello che fa per te, è sicuramente la French manicure, una tecnica per unghie universale, ormai conosciuta in tutto il mondo, nata dalla casa produttrice americana Orly dal manicurist Jeff Pink, negli anni ’70.

Vediamo quindi:

Cos'è la French manicure?

Quando e come nasce?

Cosa serve per realizzarla a casa da sole?

Che tipo di smalto e come si realizza?

 

French manicure fai da te in casa: cosa serve?

Per realizzare una French manicure in casa, con il fai da te, servono: 

  • Limetta unghie: dritta o circa per disegnare e modellare l’unghia;
  • Bastoncino di fiori d’arancio per per spingere le cuticole, senza tagliarle:
  • Smalto base coat e un top coat. Per chi vuole risparmiare tempo e denaro, esistono anche smalti con tutte e due le funzioni, 2 in 1;
  • Smalto bianco matte per disegnare le punte;
  • Smalto semitrasparente rosa chiaro, nude color carne, oppure, il nuovo colore smalto unghie 2017 talpa;
  • Solvente unghie senza acetone naturale BIO;
  • Cotton fioc per eliminare lo smalto in eccesso.

 

French manicure quando e come nasce?

La French manicure, è una tecnica per unghie ideata da Jeff Pink intorno agli anni ’70, più precisamente nel 1975 quando lavorava come manicurist sui set dei film Hollywood. Pink, infatti, per ottimizzare i tempi di organizzazione del set e dei registi, ideò una manicure che potesse essere talmente versatile da adattarsi a qualsiasi look, di qualsiasi star di Hollywood. 

Fino al quel momento, infatti, ad ogni ciak che prevedeva un cambio d’abito da parte dell’attrice, il manicurist, doveva cambiare lo smalto alle unghie, per adattarlo allo stile e al colore dell’abito, facendo così perdere tempo inutile e soldi, alla produzione. 

E’ quindi grazie a Jeff Pink, che dal 1975 la French Manicure, prese il via, diventando in pochissimo tempo, uno stile di unghie riconoscibilissimo e naturale, amato allora come oggi, da tutte le donne del mondo. 

Perché si chiama french manicure?

Perché questo stile dai set cinematografici, passò subito alle passerelle di alta moda parigine, e fu proprio la moda di Parigi a renderla così famosa in tutto il mondo.

 

French manicure 2017 come si fa? Costo:

Come si fa la French manicure 2017? Se non si vuole spendere tempo e soldi da un’estetista specializzata o in un centro nail art, è possibile provare a realizzare a casa la French manicure.

Sicuramente, le prime volte le unghie risulteranno un po’ imperfette, ma non perdetevi d’animo, perché per realizzare un’ottima manicure, serve solo pazienza e tanta, tanta pratica.

Come realizzare la French manicure in 8 passi:

1) Per prima cosa preparate le unghie, limandole nella forma desiderata, anche se in realtà la french manicure richiede unghie quadrate ma è adattabilissima anche alle unghie a mandorla. In questo primo passaggio, ricordatevi non limarle dopo averle ammorbidite in acqua, perché altrimenti la limatura diventerà troppo difficile da eseguire;

2) Pulire la parte sotto le unghie: con l’aiuto di una spazzolina con setole naturali, eliminate ogni residuo di sporcizia, incastrato sotto le unghie, senza creare troppa pressione, perché potreste farvi male;

3) Una volta pulite sopra e sotto le unghie, prendete il bastoncino di fiori d’arancio e spingete indietro le cuticole, dopo aver ammorbidito per 5 minuti, le mani in acqua tiepida. In questo modo le cuticole e le pellicine, saranno più morbide e facili da sistemare. Inoltre, per proteggere in modo ottimale le cuticole, ci sono in commercio tanti prodotti come ad esempio i balsami per unghie che aiutano ad idratare, nutrire e a difenderle, prima di applicare lo smalto. Se volete invece un ottimo rimedio naturale, provate il burro di karitè puro al 100% BIO che può sostituire anche la crema mani.

4) Applicate poi la crema mani e passate il solvente per unghie naturale BIO, in modo da eliminare l’umidità in eccesso dalle unghie e favorire la presa dello smalto;

5) Applicare ora, lo smalto base che serve sia a proteggere l’unghia che ad aumentare la durata della french manicure.

6) Fissata la base, disegnate la classica lunetta della french manicure, se non ci riuscite subite, provate a tenere il pennello dello smalto appoggiato sull’unghia in modo fisso e fate ruotare l’unghia.

7) Una volta disegnata la lunetta su tutte le unghie e asciugato lo smalto, andate a correggere le eventuali imperfezioni, aiutandovi con un cotton fioc imbevuto di solvente.

8) Infine, passate lo smalto color pastello su tutta l’unghia e una volta asciugato, passate al top coat, in modo da rendere l’unghia omogenea e liscia.

French manicure costo 2017: Quanto costa la french manicure professionale? 

COPYRIGHT DONNAFEMMINILE.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Lascia un commento
Contatti