Orecchie Tappate rimedi raffreddore catarro pressione cause e sintomi

Orecchie tappate da raffreddore, catarro, naso chiuso e a causa dell’acqua dopo bagni al mare, rimedi e sintomi gonfiore, dolore e sentire ovattato ronzii

Commenti 0Stampa

Le orecchie tappate, sono un disturbo e un fastidio molto comune causato da vari fattori, tra i quali l’accumulo di cerume nel condotto uditivo, che a volte può portare anche ad un persistente dolore e ad una perdita temporanea della capacità di ascolto dei rumori, con una sensazione di suoni ovattati e ronzii.

In generale, questo tipo di disturbo chiamato Pienezza Auricolare non è assolutamente grave ma non deve essere sottovalutato e trascurato ed è facile che si manifesti soprattutto durante o dopo l’estate a causa dei ripetuti bagni al mare o in piscina, a seguito di un raffreddore per la formazione del catarro, oppure, per la pressione atmosferica quando ci si trova a viaggiare in aereo o si sale in alta montagna o sott’acqua.

Per ognuna di queste cause, esistono dei rimedi naturali e farmaci che possono aiutare e alleviare la sensazione di fastidio delle orecchie tappate.

 

Orecchio tappato per la pressione in aereo, auto o acqua? 

Orecchie tappate in aereo, in auto o in acqua: Il cambiamento di pressione atmosferica, che si verifica durante o dopo un viaggio in aereo, in auto o in treno o anche quando si passa in galleria, o si sale in alta quota in una montagna o sott’acqua, può portare le orecchie a tapparsi improvvisamente a causa di una reazione fisiologica del nostro corpo che difende le orecchie dai cambiamenti improvvisi di pressione esterna. In questo casi, il rimedio migliore per tornare a sentire come prima possono essere bere dell’acqua a piccoli sorsi, ingoiare della saliva o tapparsi il naso e soffiare delicatamente.

 

Orecchie tappate raffreddore e catarro:

Le orecchie possono tapparsi anche a causa del raffreddore e catarro, a seguito di una febbre, influenza e bronchite o a causa di un’infezione delle alte vie aeree, in questi casi è la formazione del catarro a creare il disturbo in quanto premendo internamente provoca la sensazione delle orecchie tappate. In questo caso bisognerà innanzitutto curare il raffreddore e limitare la produzione di catarro o rendendolo più fluido con della soluzione fisiologica. Se il problema non si risolverà ci si potrò rivolgere al proprio medico per farsi prescrivere uno sciroppo specifico o una cura antibiotica.

 

Orecchie tappate a causa del tappo di cerume:

Orecchie tappate cerume: La causa più comune che portano il soggetto a manifestare una sofferenza a carico dell’apparato uditivo con la sensazione di orecchio tappato è dovuta alla cd. Iperproduzione di cerume.

L’abbondante produzione di cerume, che può manifestarsi anche in soggetti con condotti uditivi particolarmente stretti, ha come conseguenza quella di non riuscire né a comprimersi né a fuoriuscire, per cui è facile che si formi il c.d. "tappo" che diventa la principale causa delle orecchie tappate. 

In situazioni di normalità, il cerume, non è assolutamente dannoso per l’apparato uditivo anzi è utile in quanto garantisce che la superficie del condotto uditivo si mantenga umida e morbida, favorendone la pulizia e la lubrificazione, inoltre, grazie al suo pH acido, protegge l’orecchio dagli attacchi degli agenti esterni svolgendo quindi anche un’azione antibatterica e antifungina importante.
Il Tappo di cerume, spesso si forma:

  • Al termine di una vacanza a causa di ripetuti bagni in mare o in piscina, perché l’acqua che entra nell’orecchio può causare il rigonfiamento del volume del tappo che assorbendo l’acqua si gonfia provocando difficoltà di udito e dolore.
  • Come conseguenza di un raffreddore particolarmente aggressivo, per il catarro.
  • Uso prolungato dei tappi per le orecchie, che possono “comprimere” il cerume, ostacolandone la fuoriuscita e favorendone l’accumulo.
  • Cause genetiche e familiarità del disturbo, che rende alcuni soggetti più sensibili alla produzione eccessiva di cerume con il suo progressivo accumulo.
  • Nei Nuotatori professionisti, in quanto le acque fredde possono favorire la formazione di esostosi, ossia, piccole protuberanze ossee benigne all’interno del condotto uditivo, che possono ostacolare la normale fuoriuscita del cerume con il progressivo accumulo e di conseguenza del tappo.
  • A causa di dermatiti che colpiscono il condotto uditivo, che portano ad un ispessimento della pelle che seccandosi provoca delle desquamazioni, ostacolando il normale passaggio del cerume.
  • A causa di anomalie della masticazione dovute alla conformazione della mascella che possono provocare una deviazione del condotto uditivo e il conseguente accumulo di cerume.

In tutti questi casi, la produzione eccessiva e quindi ad un accumulo eccessivo di cerume nell’orecchio, può far insorgere fastidiosi disturbi dell’udito, che non vanno trascurati.

 

Orecchie tappate per colpa della Cervicale? Nausea vertigini, ronzii e fischi

Le orecchie tappate possono essere uno dei tanti sintomi causati dalla Cervicale, ossia, la contrattura della muscolatura del collo e delle spalle che provoca dolore e rigidità nella zona del collo, mal di testa e cefalea di tipo muscolo-tensivo, dolore alla fronte e sopra gli occhi, problemi alla vista, mal di schiena, schiacciamenti della colonna vertebrale, formicolii alle braccia, mancanza di forza negli arti superiori.

Tutti questi sintomi, possono essere di varia entità e andare da un semplice torcicollo ad un dolore esteso sino alle braccia rendendo difficoltosi i movimenti, dal senso di nausea, vertigini ai giramenti di testa, alla perdita di equilibrio o ronzio e fischi alle orecchie all’orecchio tappato con la sensazione di sentire ovattati i rumori, poiché tali sintomi sono tutti legati al fatto che nella zona cervicale passano le radici nervose che infiammandosi provocano un’alterazione dei tessuti e quindi il manifestarsi di questi disturbi.

 

Acufene: se non senti subito dopo un concerto, discoteca o un forte rumore?

Le orecchie tappate associate a ronzii persistenti e fischi, possono manifestarsi dopo una notte passata in discoteca, ad un concerto o a causa dell’esposizione ad un forte rumore, e sono sintomi che possono durare e regredire dopo alcuni giorni, settimane, mesi o rimanere per sempre.

Infatti, la cosiddetta Acufene può essere provocata da veri e propri traumi acustici che causano un danno permanente colpendo l’orecchio sinistro o destro, oppure entrambi. In questi casi, è indispensabile, attuare degli accorgimenti, delle precauzioni in grado di difendere l’orecchio dalla musica assordante per non compromettere l’udito.

 

Orecchie Tappate dopo Sport, palestra, sforzo e fumo:

Le orecchie tappate sono un sintomo che può verificarsi a seguito di una giornata passata in palestra facendo sport o anche dopo uno sforzo fisico, questo potrebbe dipendere da una insufficiente respirazione nasale dovuta, probabilmente, ad una deviazione del setto nasale od a una ipertrofia delle mucose nasali o più semplicemente dalla formazione di un tappo di cerume che si comprime a causa dello sforzo. In tutti questi casi è comunque bene rivolgersi ad un Otorinolaringoiatra per verificare le reali cause.

Anche il Fumo di sigaretta e tabacco in generale, essendo un irritante delle mucose, può influire sulle orecchie tappate favorendo la produzione e il ristagno di secrezioni anche a livello della tube e dell’orecchio medio. 

 

Orecchie Tappate nei Bambini cause, sintomi e rimedi:

Orecchie tappate nei bambini, cause, sintomi e rimedi: Se il bambino ha problemi di udito e tende a non capire bene le parole o ad alzare il volume della televisione, potrebbe avere le orecchie tappate a causa di otite, dermatiti, raffreddore o per la formazione di cerume.
Nella maggior parte dei casi, il disturbo è dovuto semplicemente all’accumulo di cerume, che con il bagno o la doccia, o bagni al mare e in piscina, può con l’acqua rigonfiarsi provocando disturbi all’udito, ronzii, sensazione di orecchio tappato e dolore. 
Il rimedio più semplice per stappare le orecchie tappate nei bambini è introdurre nel canale uditivo una piccola quantità di acqua ossigenata mediante un contagocce per almeno 2-3 volte al giorno per 2 o 3 giorni.

Dopo ogni somministrazione, è bene far riposare il bambino con l’orecchio rivolto su un cuscino preriscaldato per circa 20 minuti in modo da favorire ulteriormente la fuoriuscita del cerume. Ripetere poi l’operazione se necessario anche con l’altro orecchio. Dopodiché lavare l’orecchio con una siringa per orecchie o con un getto d’acqua tiepida, intorno ai 38°.

 

Orecchio tappato sintomi comuni:

I sintomi più comuni che si manifestano quando si hanno le orecchie tappate, sono oltre alla sensazione di pienezza e congestione.

  • dolore nella regione auricolare;
  • sensibilità;
  • prurito;
  • fuoriuscita di pus o altre secrezioni dall’orecchio;
  • arrossamento, calore o gonfiore;
  • difficoltà nel sentire;
  • rumori ovattati.

Altri sintomi associati all’orecchie tappate e acufene:

  • febbre;
  • tosse;
  • cefalea;
  • mal di gola;
  • febbre;
  • bronchite;
  • raffreddore;
  • cervicale;
  • influenza;
  • naso chiuso;
  • malessere generale.

 

Quando rivolgersi al medico?

Orecchie tappate quando rivolgersi al medico? La maggior parte degli episodi di pienezza auricolare, orecchie tappate, si risolvono spontaneamente o mediante l’assunzione di antibiotici per via orale o Gocce specifiche che aiutano a ridurre ed eliminare la formazione del tappo e l’infiammazione dovuta anche ad otiti ma è sempre bene rivolgersi ad uno specialista senza trascurare il disturbo, soprattutto quando si associano ad alcuni sintomi come:

  • febbre alta, superiore ai 38° per più di 2 giorni;
  • forte cefalea;
  • forte dolore;
  • sensazione pulsante o sensibilità al dolore nella zona dietro il padiglione auricolare.

E’ bene richiedere immediatamente una visita medica specialistica. 

 

Orecchie tappate rimedi naturali:

I rimedi per le orecchie tappate sono tanti e diversi in base alla causa della sintomatologia, in quanto se si tratta di orecchie tappate a seguito di un viaggio in aereo, macchina, treno o se si è saliti in alta montagna o sott’acqua è facile che a scatenare l’episodio sia stato un brusco cambio di pressione atmosferica, in questo caso il problema può essere risolto mediante un rimedio naturale come la semplice compensazione, come per esempio sbadigliare o deglutire dell’acqua in piccoli sorsi, ed evitare però di soffiarsi il naso perché esercitando una pressione sulle orecchie tappate si potrebbe peggiorare la situazione compromettendo la catena degli ossicini.

Per rimuovere il tappo di cerume che causa una temporanea sordità, difficoltà di ascolto e rumori ovattati, può essere utile comprare in farmacia i coni di cera da introdurre nel canale uditivo esterno che attraverso la loro lenta combustione sciolgono il cerume, attenzione però perché potrebbe esserci il rischio di surriscaldamento e di blocco del dotto uditivo. Meglio rivolgersi direttamente ad un otorino che mediante appositi strumenti come una siringa per le orecchie, può rimuovere con estrema facilità tutto il tappo di cerume facendo riacquistare immediatamente l’udito.

Se si è predisposti alla formazione di cerume, è bene utilizzare emollienti in gocce come la cerulisina o il debrox che aiutano a mantenere fluido e pulito il condotto uditivo riducendo così il rischio di accumulo del cerume e le conseguenze di acufene e di pienezza auricolare. Evitare di utilizzare Olio di Oliva, mandorlo, ecc. riscaldato in microonde che seppur utili a sciogliere il cerume potrebbero essere molto rischiosi e causare ustioni nel condotto uditivo.

COPYRIGHT DONNAFEMMINILE.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Lascia un commento
Contatti