Alito Cattivo rimedi naturali: Alitosi cause sintomi, cosa e come fare

Rimedi naturali contro l’alito cattivo e pesante, alitosi, cause odore cattivo nei bambini, come eliminare e togliere la puzza aglio e cipolla alla mattina

Commenti 1Stampa

Rimedi alito cattivo e alitosi: Come togliere, eliminare, neutralizzare l’odore di aglio e cipolla freschi dall’alito? Sono domande che ci facciamo ogni qual volta ci troviamo difronte ad una bella bruschetta o ad un insalatona greca, soprattutto per il quieto vivere di tutte quelle persone che avranno la sfortuna di incontrarci e cadere vittime inconsapevoli del nostro cattivo odore.

Eh si, perché lil cattivo odore dell’aglio è quello più persistente soprattutto se ingerito fresco, in quanto, in esso sono presenti numerose sostanze organiche dello zolfo come l’alliina, molto difficili da digerire e responsabili di conferire all’alito quel caratteristico odore pungente e sgradevole.

La cipolla come l’aglio è responsabile dell’alitosi detta transitoria, l’alitosi nello specifico è il cattivo odore dell’alito causato dall’ingestione di particolari alimenti come aglio e cipolla appunto ma anche da bevande come l’alcol o dall’uso di tabacco, o derivato dalla fermentazione di particelle di cibo presenti nella cavità orale non perfettamente pulita. L’alitosi Transitoria, come dice la stessa parola è momentanea e passa nell’arco delle 72 ore da quando avviene l’ingestione a differenza di quella cronica che invece è di solito causata da affezioni gengivali o dentarie o da rino-sinusiti.

 

Come togliere la puzza di aglio e cipolla?

I rimedi naturali per togliere, eliminare, neutralizzare l’odore di aglio e cipolla freschi dall’alito sono innanzitutto:

Lavarsi subito i denti dopo aver mangiato Aglio e Cipolla: dopo aver ingerito alimenti come aglio e cipolla, è bene lavarsi subito i denti avendo cura di spazzolare la lingua nella zona verso la gola, dove si concentrerebbero la maggior parte di queste sostanze organiche. Utili anche i collutori sopratutto spray, perché raggiungono anche le nicchie tonsillari dove si annidano i batteri responsabili del cattivo odore.

Bere del Latte Intero per eliminare l’odore di aglio, cipolla e curry: secondo uno studio condotto da ricercatori dell’Ohio State University, ha rivelato che per sconfiggere l’alitosi da consumo eccessivo d’aglio è sufficiente bere una tazza di latte intero da 200 ml circa prima o durante il consumo delle pietanze a base d’aglio, ciò non eliminerebbe del tutto l’odore ma lo ridurrebbe di circa del 50%. Inoltre, sarebbe in grado, per i soggetti non intolleranti al lattosio, di eliminare anche le alitosi da spezie come per esempio da curry, in quanto i grassi contenuti nel latte intero sarebbero utili a neutralizzare alcune sostanze volatili idrofobe contenute nel bulbo dell’aglio che è la principale causa di alitosi transitoria.

  • Masticare foglie di prezzemolo: aiuta ad eliminare e nascondere la puzza di aglio e contemporaneamente è un ottimo rinfrescante per la bocca;
  • Succhiare un paio di chicchi di caffé;
  • Mangiare una mela con la buccia;
  • Masticare cerfoglio o semi di anice;
  • Bere un infuso di camomilla o di thé alla menta;
  • Fare degli sciacqui a base di acqua e succo di limone;
  • Sorseggiare un infuso di timo o di rosmarino.

 

Alito Cattivo rimedi Alitosi:

Rimedi alito cattivo e alitosi: Per eliminare o perlomeno cercare di ridurre l’alitosi, ovvero, il cattivo odore dell’alito soprattutto della mattina appena svegli, si può tentare con piccoli accorgimenti che possono migliorare sicuramente la situazione, innanzitutto è necessario partire da una base importante, l’igiene orale quotidiana, allargando l’impegno anche a lingua e cavo orale, pertanto, aiutarsi con specifici strumenti per pulire la lingua facilmente acquistabili in farmacia, utilizzare il filo interdentale per eliminare i residui di cibo tra denti, e ricorrere a colluttori antibatterici, tra cui: Fluoro, Zinco e Oli essenziali.

Anche utilizzare gomme specifiche senza zucchero possono aiutare a ridurre il problema di alitosi, in quanto sono utili a far aumentare la salivazione specie nei casi di disidratazione del cavo orale causata dalla mancanza o scarsa salivazione caratteristica questa che si manifesta nelle ore notturne mentre dormiamo.

Rimedi Alito Cattivo Alitosi: Cb12

Il CB12 è un prodotto brevettato in grado di neutralizzare, eliminare e prevenire tutte quelle sostanze che causano l’alito cattivo. Il CB12 è efficace per 12 ore.

 

Rimedi della nonna contro l’Alito Cattivo:

Uno dei più vecchi ed efficaci rimedi della nonna per l'alito cattivo, è fare degli sciacqui con acqua con un cucchiaino di bicarbonato. Il bicarbonato, infatti, favorisce l’assorbimento di tutti gli odori e oltre ad essere utile per l’alito può essere utilizzato anche per neutralizzare l’odore cattivo di questi alimenti anche dal frigorifero, basta un piccolo contenitore nel quale far sciogliere un cucchiaio di bicarbonato da posizionare nel luogo dove si conserva l’aglio, per non far sentire nessun odore.

Ecco alcuni consigli su come avere un alito fresco per tutto il giorno.

 

Alito Cattivo cosa fare?

Cipolla: per evitare che le sostanze che compongono la cipolla possano attraverso il sangue passare ai polmoni e di qui all’inspirazione dal naso per almeno 72 ore, si consiglia prima di mangiarla fresca, di tagliatela finemente e sciacquarla abbondantemente sotto l’acqua corrente per eliminare ciò che rende la cipolla così indigesta e causa del cattivo odore dell’alito, ossia, il liquido in essa contenuta.

Aglio: per evitare che le sostanze che compongono l’aglio possano attraverso il sangue passare ai polmoni e di qui all’inspirazione dal naso per almeno 72 ore, si consiglia prima di mangiarlo sia fresco che cotto di eliminare sempre l cuore interno dello spicchio in modo da aumentarne la sua digeribilità e quindi del cattivo odore.

 

Le cause dell'alitosi:

Le cause di un alito cattivo sopratutto al mattino al risveglio, o meglio dell’alitosi, dipendono da svariati fattori ma circa il 90% dei casi di alito pesante ha origine dalla bocca poiché è proprio in questa zona che si accumulano i residui di cibo che vengono trasformati dal metabolismo in batteri che sono poi i responsabili della formazione di placca che si deposita nella cavità orale e sui denti che può venir eliminata solo mediante un’accurata igiene orale dei denti e della lingua.

I residui di cibo trasformati dall’organismo in batteri, liberano quegli elementi chimici responsabili dell’alitosi, i cosiddetti composti volatili solforati che comprendono:

  • Solfuro di idrogeno: responsabile del cattivo odore di alito che sa di uova marce.
  • Mercaptano: responsabile di conferire all’alito il cattivo odore di cavolfiore in decomposizione.
  • Acido isovalerico: responsabile di conferire all’alito il cattivo odore di piedi sudati come putrescina e cadaverina.
  • Anche alimenti come aglio e cipolla, vanno evitati se si desidera mantenere fresco e profumato l’alito perché se ingeriti entrano in circolo con il sangue fino ad arrivare ai polmoni ed essere emessi con l’aria inspirata. Ma è anche possibile che la causa sia una ridotta idratazione della mucosa orale.
  • Quando la causa non è riconducibile alla bocca, allora si può pensare che le cause di un’alitosi cronicasia dovuta a:
    • Tonsilliti, bronchiti, ovvero, a specifiche malattie respiratorie
    • Reflusso gastroesofageo causato da Helicobacter Pylori, ovvero, a malattie digestive.
    • Diabete, Disfunzioni epatiche o renali, ovvero, a malattie sistemiche.
    • Acetone: disturbo causato da un disordine metabolico che avviene quando l’organismo è costretto per far fronte alle proprie necessità energiche, dopo aver bruciato gli zuccheri inizia a bruciare anche i grassi. L’acetonemia si manifesta soprattutto nei bambini nella prima e seconda infanzia, perché le richieste energetiche sono maggiori ,e si sviluppa fino ai 12 anni, scomparendo poi con la pubertà.

Altre cause, del disturbo sono da ricercare nell’assunzione di alcune sostanze e cibi che inducono a soffrire di un’alitosi transitoria come: Aglio, cipolla, cibi speziati come il curry e alcolici, fumo e farmaci.

 

Quali sono gli alimenti che causano l'Alitosi?

Nella maggior parte dei casi, l’alito cattivo ha origine dalla bocca, a causa dell’accumulo di batteri che si depositano sulla mucosa orale soprattutto sulla parte posteriore della lingua, che si formano a seguito dell’ingestione dei cibi che si frappongono anche negli spazi interdentali e dentiere poco pulite.

I cibi e gli alimenti che maggiormente causano o peggiorano l’alitosi sono:

Latte, yogurt, gelato, formaggio e tutti i latticini in genere;

Aglio e Cipolle;

Bevande alcoliche che disidratano la bocca;

Zucchero, in quanto stimola la proliferazione dei batteri;

Caffè, per il suo pH acido.

Concause che possono aggravare l’alitosi sono: Poca salivazione, Poca igiene orale o scarsa, Carie, residui di cibo tra i denti, Infezioni locali, Respirare con la Bocca, Fumo e Alcool.

COPYRIGHT DONNAFEMMINILE.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Lascia un commento
Contatti
Commenti 1

guglielmo

28 gennaio 2013 22:13

alla sera mangio uno o due spicchi di aglio, se lo ingoio come se fosse una compressa questo puo' ridurre l'alito cattivo il giorno dopo?
Vi ringrazio per la vostra risposta