Rimedi contro la Forfora grassa e secca: shampoo capelli antiforfora

Forfora Grassa e Secca rimedi naturali e fai da te contro prurito alla testa, secchezza cute e dermatite seborroica, cos’è e da cosa dipende cause, sintomi

Commenti 0Stampa

La Forfora è una anomalia del cuoio capelluto che desquamandosi produce piccole e sottili scaglie bianche di pelle composte da cellule morte che si distaccano velocemente dalla cute dei capelli provocando quella antiestetica e imbarazzante caduta di neve dai capelli. 

 

Forfora Capelli: cos’è?

La Forfora anche detta Pitiriasi è un disturbo del cuoio capelluto molto diffuso in tutta la popolazione ma colpisce soprattutto gli uomini in età giovanile, ed è molto spesso accompagnato da un forte prurito che non fa altro che favorire la desquamazione della cute. Tale anomalia, fa sì che sulla superficie del cuoio capelluto si depositi una quantità eccessiva di cellule morte che a contatto con l’olio secreto dalle ghiandole pilifere, diventano appiccicose e pronte a catturare tutto lo sporco contenuto nell’aria, ed essendo più pesanti cadono dalle spalle ogni qual volta che ci tocca i capelli o ci si spazzola.

 

Forfora Grassa e Secca: differenza

Qual è la differenza tra la forfora grassa e la forfora secca? 

Forfora Secca: si parla di forfora secca quando la cute dei capelli appare molto disidratata e piccole scaglie biancastre si staccano e cadono dal cuoio capelluto senza che vi sia uno stato di irritazione cutanea, inoltre potrebbe essere accompagnata da prurito alla testa anche se non eccessivo.

La forfora secca può aumentare in termini di produzione nel periodo invernale e nei periodi di maggior stress psicofisico ma non provoca la caduta di capelli.

Forfora Grassa: si parla invece di forfora grassa quando la cute dei capelli produce un’eccessiva quantità di sebo tale da imprigionare spesse scaglie giallastre che restano attaccate al cuoio capelluto. La seborrea insieme alla desquamazione rendono i capelli unti e la cute oleosa con un accentuato prurito alla testa, che può portare alla comparsa di una dermatite seborroica e intensa caduta capelli.

 

Forfora grassa o secca cause:

La forfora può avere diverse cause che possono andare da un’eccessiva secchezza della pelle alla presenza di lieviti, da dermatiti e allergie alla scarsa igiene, vediamo in dettaglio alcune delle cause più comuni della forfora:

Forfora causata da Secchezza della pelle: in inverno con gli sbalzi di temperatura è facile che la pelle del viso e del corpo possa disidratarsi, la stessa cosa può accadere anche al cuoio capelluto con la conseguente formazione di forfora accompagnata da prurito della cute. Le scaglie di pelle secca, sono generalmente molto più piccole, leggere e sottili rispetto a quelle che si originano per altre cause.

Forfora causata da Dermatite seborroica ed Eczema: è tra le cause più comuni della forfora, si presenta con zone di pelle arrossata e grassa, ricoperte da scaglie biancastre o giallastre che tendono a staccarsi. La dermatite seborroica, oltre il cuoio capelluto può colpire altre zone ricche di ghiandole sebacee, come le sopracciglia, i genitali esterni, pieghe del naso labiali, il retro delle orecchie, il torace, l’inguine e in alcuni casi anche sotto le ascelle. Tale disturbo, può provocare un forte prurito e la caduta dei capelli.

L’Eczema del cuoio capelluto è molto spesso riconducibile a forme di dermatite seborroica, che si manifesta dapprima con una semplice desquamazione e quindi forfora e poi con la comparsa di chiazze erimatose con sensazione di bruciore e prurito al cuoio capelluto che possono essere aggrediti da microbi come il pityrosporum ovale.

Forfora causata da Scarsa igiene dei capelli: se la cute e i capelli non vengono lavati periodicamente, è facile che il sebo e le cellule morte ristagnino sul cuoio capelluto, generando e favorendo la formazione della forfora.

Forfora causata da Psoriasi: malattia della pelle che può colpire anche il cuoio capelluto, molte volte può essere confusa, almeno allo stadio iniziale, con la dermatite seborroica in quanto la sintomatologia è pressochè uguale: irritazione cutanea, desquamazione con scaglie di forfora ma a differenza della dermatite, la psoriasi non è legata alla produzione eccessiva di sebo ma ad altri fattori per lo più ereditari, inoltre il prurito al cuoio capelluto è un sintomo non sempre presente malgrado che l’origine etimologica del termine psoriasi sia psora, ovvero, prurito. E’ bene sapere che la psoriasi del cuoio capelluto non causa caduta di capelli.

Forfora causata da Dermatite da contatto: disturbo provocato dalla poca tollerabilità ad alcuni prodotti per la cura dei capelli, infatti, la sensibilità a particolari ingredienti come per esempio la parafenilendiamina, può provocare desquamazione, prurito e arrossamento del cuoio capelluto e dare origine quindi alla forfora.

 

Forfora causata da trattamenti igienici sbagliati:

  • shampoo troppo aggressivi e essiccanti: Utilizzare shampoo troppo alcalini e molto sgrassanti può provocare l’impoverimento del sebo cutaneo, che non essendo più adeguatamente protetto dallo strato di sebo si disgrega producendo forfora.
  • lozioni troppo alcoliche: utilizzare lozioni per capelli eccessivamente alcoliche può causare la desquamazione dello strato corneo causando la forfora.
  • phon: Il calore troppo secco del fhon può portare ad una progressiva disidratazione del cuoio capelluto, nello specifico della cheratina, che diventando più fragile e debole si disgrega portando alla formazione della forfora.
  • Malassezia: è un lievito simile alla Candida che vive nel cuoio capelluto della maggior parte degli adulti, senza causare alcun problema. A volte però, può iniziare a proliferare velocemente a causa all’eccesso di sebo sul cuoio capelluto, agli sbalzi ormonali, allo stress, a determinate patologie e disturbi neurologici, alla carenza di igiene dei capelli ecc. Se succede le cellule del cuoio capelluto si irritano, muoiono e cadono, ammassandosi con il sebo dei capelli formando quindi la forfora.

 

Forfora Capelli: cosa la fa aumentare?

Esistono diversi fattori che possono favoriscono la formazione e l’aumento della forfora come l’età, il sesso, un’alimentazione o una vera e propria patologia, vediamo in dettaglio: 

  • Età: generalmente, la forfora colpisce sia donne che uomini in età adolescenziale senza però scomparire in età adulta. Anche gli anziani, infatti, possono soffrire di questo disturbo.
  • Sesso: Gli uomini corrono un maggior rischio di avere la forfora, quindi alcuni ricercatori ritengono che gli ormoni maschili probabilmente abbiano un ruolo nella sua formazione. Le ghiandole sebacee del cuoio capelluto degli uomini sono più grandi, e anche questo potrebbe avere una qualche importanza nell’origine della forfora.
  • Capelli e cuoio capelluto troppo grassi:  se la pelle e i capelli sono troppo oleosi e grassi si è maggiormente soggetti alla forfora.
  • Alimentazione scorretta: una dieta povera di zinco, vitamine del gruppo B o di determinati tipi di grassi, può favorire la comparsa della forfora.
  • Patologie: Diverse patologie neurologiche, hanno tra i loro sintomi la comparsa di dermatite seborroica e di forfora, presenti anche nei pazienti che hanno superato patologie molto stressanti, come l’infarto e l’ictus o in quei pazienti che presentano un sistema immunitario compromesso.

 

Rimedi contro Capelli Forfora Grassa e Secca: 

La Forfora sia grassa che secca possono essere ridotte se non del tutto eliminate, attraverso trattamenti adeguati in base ad un semplice esame del capello al fine di delineare le cause e la tipologia di forfora.
I rimedi forfora capelli devono essere dei trattamenti basati su prodotti che mirano a:

  • Facilitare il distacco della parte squamosa dal cuoio capelluto.
  • Distruggere i microrganismi che prolificano nella cute dei capelli mediante l’azione antimicotica e disinfettante.
  • Favorire l’assorbimento delle sostanze attive ed antimicrobiche.
  • Azione lenitiva della cute prevenendo l’irritazione e il prurito
  • Ristabilire l’equilibrio del cuoio capelluto.
  • Stimolare i meccanismi di autodifesa dell’organismo.

 

Shampoo capelli antiforfora e lozioni:

In commercio esistono tantissimi prodotti anti forfora che possono essere funzionali per combattere la forfora e che possono essere utilizzati anche quotidianamente per ridurre almeno in parte questo disturbo. Per contrastare adeguatamente la forfora però, conviene rivolgersi innanzitutto a medici specialisti in grado di identificare la causa della forfora e indicare shampoo e lozioni antiforfora adeguati al proprio problema ed esigenze, ricordando che vi è la possibilità, nei casi più gravi, che il rimedio alla forfora non possa essere definitivo ma dovrà essere ripetuto più volte nel corso dell’anno per limitare il problema. 

Generalmente, gli shampoo antiforfora si distinguono a seconda del principio attivo in essi contenuto:

  • Shampoo Anti Forfora allo Zinco piritione: è un agente antibatterico e antimicotico in grado di arrestare la diffusione sul cuoio capelluto del fungo che può causare la forfora e la dermatite seborroica.
  • Shampoo Anti Forfora al Catrame di carbone: è una sostanza in grado di rallentare la morte delle cellule del cuoio capelluto in caso di psoriasi o dermatite seborroica.
  • Shampoo Anti Forfora all’Acido salicilico: sostanza in grado di esfoliare la parte superficiale della cute dei capelli in modo da eliminare lo strato di cellule morte che ricoprono il cuoio capelluto.
  • Shampoo Anti Forfora al Solfuro di selenio: è una sostanza che consente di rallentare la morte cellulare e al contempo di diminuire il lievito Malassezia furfur, tra le controindicazioni del prodotto vi è la possibilità che la sostanza possa far cambiare colore ai capelli biondi, grigi o tinti, pertanto, si consiglia di chiedere informazioni al farmacista e seguire attentamente le istruzioni d’uso.
  • Shampoo Anti Forfora al Ketoconazolo: è un principio attivo antimicotico ad ampio spettro molto efficace come rimedio alla forfora in quanto paragonabile ad un farmaco, può essere acquistato in farmacia senza ricetta.

 

Rimedi naturali contro la forfora:

Oltre ad utilizzare shampoo e lozioni specifici contro la formazione della forfora, possono essere impiegati comportamenti e piccoli accorgimenti ad hoc per limitare questo problema, come gli shampoo capelli antiforfora naturalii e la giusta alimentazione:

  • Non utilizzare troppi e diversi prodotti per capelli come gel, lacche, spume, semi di lino in quanto possono accumularsi sui capelli e sul cuoio capelluto, rendendoli ancora più grassi.
  • Seguire una sana alimentazione con un giusto apporto di zinco. L’alimento che contiene una maggiore quantità di zinco in assoluto sono le ostriche in barattolo con 90,95 mg, ostriche cotte 78,6 mg, ostriche crude 39,3 mg.
  • Evitare un’eccessiva esposizione al sole o alle lampade abbronzanti, in quanto i raggi ultravioletti possono favorire la disidratazione e la desquamazione del cuoio capelluto e quindi la comparsa della forfora.

Il problema della forfora, può essere anche ridotto con una terapia alternativa che sembra efficace come rimedio naturale contro la forfora, ovvero, l’utilizzo dell’olio di melaleuca estratto dall’Albero del tè, che usato quotidianamente funge da antibatterico, antibiotico e antimicotico. In erboristeria e in farmacia, sono disponibili vari shampoo a basa di olio di melaleuca che, anche essendo naturale può comunque causare reazioni allergiche in alcuni pazienti.

Molto buono come rimedio naturale è l'olio di cocco e il Tea Tree Oil, un olio in vendita in erboristeria o in farmacia, che è in grado di ridurre la forfora ma può essere usato anche contro il raffreddore, dolori muscolari, acne e infezioni labiali.

Come rimedio antiforfora: prendere uno spruzzatore spray e versare un cucchiaio di Tea Tree Oil e una tazza di acqua calda, agitare. Lavare poi i capelli con shampoo e balsamo, e spruzzare a pioggia il preparato su tutto il cuoio capelluto. Dopodiché massaggiare la cute e lasciar riposare per un paio di minuti in modo che le proprietà del Tea Tree Oil possano penetrare nella cute e nel capello. Procedere poi alla consueta asciugatura e messa in piega.

 

Forfora: Quando può causare la caduta dei capelli?

La Forfora nei casi più gravi può provocare anche la caduta dei capelli e impedirne la ricrescita, ciò si verifica quando la sua formazione è favorita dall’insorgere di infezioni provocate da microbi che generano un fortissimo prurito causando lesioni superficiali ed infezioni sempre più serie, oppure, quando essa è sintomo di Dermatite seborroica ed Eczema.

COPYRIGHT DONNAFEMMINILE.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Articoli Simili

Lascia un commento
Contatti