Studi medici di famiglia aperti 16 ore al giorno 7 giorni su 7

Nuovi orari di apertura Studi medici di famiglia dalle ore 8:00 alle ore 24:00 7 giorni su 7 e pediatri dalle 8 alle 20 5 giorni a settimana ecco le novità

Commenti 0Stampa

Studi medici di famiglia nuovi orari di apertura: Novità importanti per la Sanità Italiana, per tutti i cittadini e per le mamme, il 13 aprile scorso è stato approvata dalla Comitato di settore Governo-Regioni, la nuova Convezione medicina generale, che stabilisce, in via preliminare, l’apertura a 16 ore consecutive per gli studi medici di famiglia. 

A cambiare quindi saranno molte cose, a partire dal nuovo orario di apertura dello studio del medico di base, che diventerà dalle 8 alle 24, 7 giorni su 7, quello dei pediatri in libera scelta che diventerà dalle 8 alle 20 per 5 giorni alla settimana, mentre nelle ore notturne ci si dovrà rivolgere al 118. 

Inoltre, è stata prevista l’istituzione di nuovi maxi-ambulatori in tutta Italia e la possibilità di pagare il ticket sanitario o di effettuare la prenotazione di visite e esami, direttamente presso il proprio studio medico di famiglia.

 

Chi è il medico di famiglia e come funziona oggi?

Chi è il medico di famiglia e come funzionano oggi gli orari di apertura? Il medico di famiglia, è il medico di base che assiste i cittadini di età superiore ai 14 anni mentre il pediatra di libera scelta, assiste i bambini dalla nascita fino a 14 anni. 

Qualora però, il bambino raggiunge l’età tra i 6 e i 14 anni, la famiglia può scegliere se farlo assistere dal proprio medico di famiglia o dal pediatra.

Il medico di famiglia, inoltre, quando necessario e su richiesta dell’assistito può effettuare la visite a domicilio. in questo caso, se la richiesta è effettuata entro le 110 di mattina, la visita viene eseguita entro la giornata, mentre se effettuata entro le ore 12.00, la visita avviene il giorno successivo.

Nelle ore notturne e nei giorni prefestivi e festivi, la continuità delle cure mediche assistenziali, è garantita dalla guardia medica dalle 20.00 alle 8.00 dei giorni feriali e dalle 10.00 del sabato o prefestivo. In caso di assenza, per ferie o malattia, il medico ha il compito di informare i propri assistiti sul sostituto a cui rivolgersi. 

 

Cosa cambia ora? Nuovi orari studi medici di famiglia:

In base al rinnovo Convenzione medica generale, approvata in prima istanza il 13 aprile 2016, dal Comitato di settore Governo-Regioni, ed ora al vaglio della Sisac, cambieranno gli orari di apertura degli studi medici di famiglia.

Nuovi orari studi medici di famiglia:

Dalle 8:00 alle 20:00 dal lunedì al venerdì: Le AFT, ossia, le Aggregazioni territoriali funzionali che hanno il compito di gestire la continuità di cura da parte dei medici di cure primarie e quelle dei pediatri di libera scelta, assicureranno l’apertura degli studi medici di famiglia per 12 ore 7 giorni su 7, dalle otto di mattina alle otto di sera;

Dalle ore 20:00 alle ore 24:00 dal lunedì al venerdì e dalle ore 8:00 alle ore 20:00 sabato e festivi: l'assistenza medica sarà coperta dai medici di cure primarie;

Dalle ore 24 alle 8: la continuità di cure nelle ore notturne, sarà eseguita dal 118.

Riguardo ai nuovi orari studi pediatrici: l’assistenza medica ai bambini sarà erogata dai pediatri in libera scelta dalle ore 8 alle 20, 5 giorni a settimana.

Facciamo un esempio pratico, su come cambia l'assistenza medica in Italia, una volta che la Convenzione verrà approvata in via definitiva:

Se sono malata o mio figlio non si sente bene, e devo rivolgermi al mio medico di famiglia che però non è presente a studio, in quanto ha terminato il turno, posso rivolgermi alle AFT, che ricordiamo essere le aggregazioni territoriali funzionali che avranno il compito di informare gli assistiti circa gli studi di famiglia aperti nel proprio distretto, in modo da sapere il medico di famiglia aperto in quel preciso momento. Superate le ore 24:00, l'assistenza invece verrà garantita dal 118.

 

Pagamento ticket e prenotazioni visite esami SSN dal medico di famiglia:

Un’altra novità importante, che verrà introdotta quando la Convezione diventerà definitivamente approvata, il pagamento del ticket sanitario e la prenotazione di esami e visite SSN, avverrà direttamente presso lo studio medico di famiglia, senza dover più chiamare il CUP o recarsi all’ospedale o all’ASL per pagare il ticket.

Inoltre, verranno aumentati su tutto il suolo italiano, i maxi ambulatori, presenti già in alcune regioni come ad esempio le Unità Complesse di Cure Primarie (UCCP) presenti nella regione Lazio.

COPYRIGHT DONNAFEMMINILE.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Lascia un commento
Contatti