Carbone vegetale: prezzo 2018, cos'è a cosa serve e come assumerlo?

Carbone vegetale prezzo e costi 2018 cos'è e come funziona proprietà del carbone attivo, a cosa serve, quali sono gli usi e quando e come assumerlo

Commenti 0Stampa

Il carbone vegetale, specie negli ultimi tempi, è diventato una vera e propria moda anche in Italia.

Ormai è del tutto normale scorgere tra gli scaffali di un forno o di una pasticceria, il pane nero o la pizza nera, i cornetti o i biscotti neri a base di carbone vegetale.

Ma perché si usa il carbone vegetale negli alimenti? E' solo per un fatto di moda e tendenza o veramente il carbone vegetale fa bene alla salute o male? 

Vediamo di rispondere a tutte queste domanda iniziando a parlare del carbone vegetale cos'è come funziona, a cosa serve e come assumerlo, quanto costa ed il prezzo 2018.

 

Carbone vegetale cos'è?

Che cos'è il carbone vegetale? Il carbone vegetale, chiamato anche carbone attivo, è un composto organico sotto forma di polvere molto fine ottenuta tramite una combustione senza fuoco di vari legnami.

Attraverso la combustione senza fiamma, il legno raggiunge temperature di 600-1200 °C in un ambiente con poco ossigeno, cosicché da dare origine alla polvere di carbone vegetale che va poi trattata al fine di aumentarne la porosità e di conseguenza le sue proprietà adsorbenti.

 

Come funziona il carbone vegetale, a cosa serve e quando?

A cosa serve il carbone vegetale? Il carbone vegetale attivo serve come rimedio naturale per molte problamatiche, ecco quindi come funziona, a cosa serve e quando:

1) Per chi ha la pancia gonfia: se il tuo problema è quello di avere sempre la pancia gonfia, puoi risolverlo assumendo del carbone vegetale in pillole. Assumere quotidianamente circa 1-2 grammi di carbone attivo consente di sgonfiare la pancia in quanto tra le proprietà benefiche del carbone vegetale c'è quella di adsorbire, cioé di fissare alla propria superficie porosa, le molecole in fase gassosa o liquida, ed integrare i gas intestinali.

In pratica l'azione del carbone vegetale per chi soffre di pancia gonfia, è quella di trattenere i gas sulla sua superficie contrastando così al contempo anche altri disturbi quali:

  • aerofagia;
  • meteorismo;
  • flatulenza;
  • e gonfiore addominale.

Ancora pù efficace è l'unione tra il carbone attivo ed alcune piante o estratti al finocchio, cumino, coriandolo e menta.

Ricordiamo però che l'azione del carbone vegetale è di tipo sgonfiante e non dimagrante, nel senso che oltre a vedere un miglioramento dell'addome che appare subito più piatto perché il carbone vegetale ha eliminato i gas intestinali, non fa, nel senso che il carbone vegetale non fa dimagrire e non accelera il metabolismo.

2) Per chi ha problemi di digestione, acidità e reflusso gastroesofageo, sindrome del colon irratabile: il carbone vegetale come abbiamo gà visto ha grandissime capacità adsorbenti che gli consentono di catturare e trattenere non solo i gas ma anche i succhi gastrici in eccesso, impedendone la risalita nell’esofago.

Grazie all'assunzione di carbone attivo, pertanto, è possibile bloccare il reflusso gastroesofageo ma non solo, infatti, grazie anche ai sali minerali di natura basica in esso contenuti, è presente anche un'azione antinfiammatoria a livello dello stomaco.

3) Per chi soffre di diarrea o dissenteria: il carbone vegetale consente anche di indurire le feci ed ha anche qualche proprietà disinfettante, in quanto adsorbe non solo i gas ma anche le tossine, batteri e virus, per cui può essere un valido aiuto contro l'influenza intestinale 2018.

4) Per chi soffre di alito cattivo e alitosi: il carbone attivo nelle persone con problemi di alitosi può servire veramente in quanto è capace di pulire il cavo orale ed il tubo digerente. A tal fine, se ne consiglia l'uso insieme al dentifricio.

 

Carbone vegetale come assumerlo, quanto e quando?

Carbone vegetale come assumerlo? Il carbone vegetale può essere assunto sotto forma di polvere, capsule o compresse ma anche con alcuni alimenti tipo il sale nero delle Hawaii o indiano, il pane nero al carbone attivo o la pizza o i dolci.

Prima di assumere il carbone vegetale chiedere prima consiglio al proprio medico, perché come abbiamo visto, il carbone vegetale può ridurre l’assorbimento di alcuni farmaci e quindi compromettere la terapia e la salute stessa, per cui è bene consultare prima il dottore.

Per quanto riguarda invece quanto carbone vegetale assumere, si consiglia di assumere il carbone vegetale nella quantità di 1-2 compresse pari a circa 2-4 grammi al giorno se in polvere.

Come assumere il carbone vegetale e quando va assunto?  Il carbone vegetale va assunto con abbondante acqua prima o dopo i pasti principali in modo da prevenire la formazione di gas.

 

Carbone vegetale prezzo 2018 in polvere, capsule o in compresse

Il prezzo carbone vegetale può dipendere da vari fattori quali ad esempio:

  • se è acquistato in polvere, in capsule o in compresse;
  • o se il carbone vegetale è acquistato online o presso un negozio fisico specializzato, al supermercato o in farmacia.

Ecco quindi riportati nella tabella seguente la media dei prezzi per comprare il carbone vegetale nelle varie forme:

Carbone vegetale prezzo 2018costo minimoprezzo massimo 
 Carbone vegetale in polvere da 100 grammi da 3,50 euro a 5-6 euro
 Carbone vegetale in compresse da 50 per 40 grammi da 5 euro a 7-10 euro
 Carbone vegetale in capsule da 40 per 20 grammida 2,50 euro a 4-5 euro
 Carbone vegetale da 100 capsuleda 8 euro a 10-12 euro 

 

Carbone vegetale dove si compra?

Dove si compra il carbone vegetale?

Il carbone vegetale attivo oltre al fatto di poter essere comprato online è anche facilmente acquistabile in diversi negozi fisici come:

  • carbone vegetale al supermercato: acquistabile presso i supermercati Coop c'è ad esempio il carbone vegetale Coop a 2,90 euro;
  • carbone vegetale in farmacia e parafarmacia: è possibile comprare ad esempio il carbone vegetale Equilibra da 5,25 euro;
  • carbone vegetale in erboristeria: è più facile trovare il carbone vegetale in polvere anche in grandi confezioni o sotto forma di compresse o capsule;
  • carbone vegetale online: è possibile sfruttare diverse offerte.

 

Carbone vegetale dove si usa?

Dove si usa il carbone vegetale? Grazie alle ottime ed innumerevoli proprietà il carbone vegetale si presta a diversi usi ed impieghi, ecco i maggiori usi:

  • nell'industria alimentare;
  • come decaffeinizzante;
  • in agricoltura;
  • nell'industria farmaceutica;
  • nel campo medico;
  • nello stoccaggio del combustibile;
  • per purificare i gas
  • per l’assorbimento acustico;
  • per distillare e purificare le bevande alcoliche;
  • per smaltire il mercurio;
  • per purificare l’oro e altri metalli;
  • per smaltire le acque reflue
  • in ambito ambientale il carbone vegetale è molto usato per bonificare le falde acquifere, per filtrare l’acqua potabile, negli impianti di depurazione dell’aria ecc.
COPYRIGHT DONNAFEMMINILE.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?